<body><script type="text/javascript"> function setAttributeOnload(object, attribute, val) { if(window.addEventListener) { window.addEventListener('load', function(){ object[attribute] = val; }, false); } else { window.attachEvent('onload', function(){ object[attribute] = val; }); } } </script> <div id="navbar-iframe-container"></div> <script type="text/javascript" src="https://apis.google.com/js/plusone.js"></script> <script type="text/javascript"> gapi.load("gapi.iframes:gapi.iframes.style.bubble", function() { if (gapi.iframes && gapi.iframes.getContext) { gapi.iframes.getContext().openChild({ url: 'https://www.blogger.com/navbar.g?targetBlogID\x3d14033373\x26blogName\x3dBuzzurro\x26publishMode\x3dPUBLISH_MODE_BLOGSPOT\x26navbarType\x3dBLUE\x26layoutType\x3dCLASSIC\x26searchRoot\x3dhttp://buzzurro.blogspot.com/search\x26blogLocale\x3den_US\x26v\x3d2\x26homepageUrl\x3dhttp://buzzurro.blogspot.com/\x26vt\x3d-2693752525456072404', where: document.getElementById("navbar-iframe-container"), id: "navbar-iframe" }); } }); </script>

Wednesday, August 17, 2005

Costituzione irachena: le questioni ancora aperte

I punti ancora in discussione sarebbero 18:
Il nome ufficiale dello stato iracheno, la religione ufficiale, il riconoscimento delle minoranze nella carta costituzionale, la lingua ufficiale, il riconoscimento delle identita' religiose, se uno o piu' vicepresidenti debbano affiancare il presidente della repubblica, l'incompatibilita' tra la carica di ministro e quella di parlamentare, la gestione federalista o centralista delle risorse naturali (leggi: petrolio), il diritto di famiglia, il diritto all'autodeterminazione delle province (leggi: secessione del Kurdistan), la forma di governo (repubblica presidenziale contro premierato), doppia cittadinanza (permessa o vietata), status speciale per la citta' di Kirkuk, i confini del Kurdistan, camera alta e camera bassa parlamentare contro un'unica assemblea nazionale, abrogazione o meno della legislazione amministrativa transitoria con l'approvazione della carta costituzionale.

A seguito del mancato raggiungimento dell'accordo tra le parti entro la scadenza prefissata, che era il 15, l'assemblea irachena ha votato lo slittamento in avanti di una settimana di questo termine, che ora e' quindi stato fissato al 22.

Fonte: MEMRI